Salta al contenuto principale

Ladies First. Storie di donne e dei loro successi: ANNA CANTORO

Ladies First. Storie di donne e dei loro successi

Ladies First. Storie di donne e dei loro successi: ANNA CANTORO
Qualche settimana fa abbiamo parlato di un’iniziativa di STEF Italia dedicata alle donne, “Ladies First: il femminile in STEF” . Dai progetti proposti durante questo laboratorio, nasce l'idea di raccontare storie di successo che vedono protagoniste alcune delle nostre colleghe. Ecco quindi il primo racconto.
ANNA CANTORO

Anna Cantoro

C'era una volta in un borgo della Puglia Salentina, una bambina di nome Anna.
Cresciuta con il sogno di
poter un giorno essere a capo di una grande organizzazione, Anna avrebbe voluto un giorno specializzarsi come esperta di logistica e trasporto.

Decide quindi di studiare per raggiungere il suo obiettivo, prima come Ingegnere gestionale al Politecnico di Torino, poi specializzandosi con un Master MEMIT.
Nel 2011 entra in STEF grazie al «Percorso Pepinieres», dedicato ai giovani neolaureati di successo, partendo dalla filiale francese di STEF Transport Rouen. Rientrata in Italia, le viene affidato il ruolo di Controllo di Gestione dell'area Nord Est e poi dell'area Nord Ovest.
Anna prosegue poi la sua crescita nel ruolo di Ingegnere delle Vendite, nella Direzione Commerciale. Sviluppando competenze anche in questo ambito, Anna continua a conservare l’aspirazione di ambire ad una mansione più operativa e ricoprire ruoli manageriali. Diviene così OMQ dell'area Nord Est e successivamente, nel 2016, le viene proposto di diventare Responsabile Operativo della Filiale di Bologna. Esattamente due anni dopo, dopo un passaggio nel ruolo di Responsabile Aggiunto della Filiale di Torino, Anna è entrata a pieno titolo nel ruolo di Capo Filiale. Grazie alla sua determinazione e perseveranza, Anna è la prima donna in STEF a ricoprire il ruolo di Responsabile di Filiale in Italia.
La sua risolutezza, abbinata alle chance lavorative avute in STEF, l’hanno aiutata ad avere maggior consapevolezza di sé e delle sue potenzialità, permettendole di acquisire più sicurezza in ambito lavorativo e rendendola una parte centrale delle quote rosa di STEF.
Chissà quali progetti vorrà realizzare nel suo futuro, arrivando magari a coronare il desiderio di quando era solo una bambina. 

Questo sito utilizza dei cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sul sito stesso.

Proseguendo nella navigazione su questo sito si accetta l’utilizzo dei cookie. Per saperne di più, cliccate qui.