Salta al contenuto principale

Come funzionano i trasporti refrigerati internazionali

Tipologie di trasporti STEF in Italia e in Europa

STEF trasporti internazionali
Il trasporto di prodotti alimentari è un tema delicato soprattutto quando si parla di trasporto alimentare refrigerato internazionale.
Gli alimenti deperibili, devono viaggiare nel rispetto della catena del freddo, per garantire il mantenimento di tutte le caratteristiche organolettiche del prodotto.
Come viene rispettata la catena del freddo nei trasporti internazionali? In STEF siamo molto attenti ad ogni tipo di problematica che potrebbe generarsi durante il trasporto delle merci a temperatura controllata ed offriamo al cliente una vasta gamma di servizi per l’import/export, forti di un’esperienza nel settore che dura da oltre 20 anni.
Trasporto STEF - camion 1

Logistica e trasporti internazionali alimentari

Le possibili opzioni per l’import/export di prodotti alimentari a temperatura controllata sono varie.

I servizi di cui si occupa STEF comprendono l’organizzazione di camion completi, dedicati al singolo cliente e l’organizzazione di soluzioni di groupage, che consistono nel raggruppare e consolidare merci provenienti da partite di clienti diversi di uno stesso paese in un’unica operazione di trasporto.

Quest’ultima soluzione risulta molto efficiente perché consente, soprattutto per chi non dispone di grandi carichi da trasportare, di beneficiare del servizio di trasporto nel modo più ottimale possibile.

Si aggiungono a questi i servizi di stuffing container, processo attraverso il quale le merci vengono caricate in un container, a temperatura controllata, per essere spedite. Il posizionamento delle merci all’interno del container non consiste solo nel posizionare casualmente i prodotti fino a quando non si raggiunge la massima capacità del contenitore, ma è un processo che richiede un'attenta pianificazione e che deve prendere in considerazione anche il processo di scarico. Tutto questo permette di mantenere inalterate le proprietà e le caratteristiche nutrizionali dei prodotti importati ed esportati lungo la catena del freddo.

Trasporto STEF - camion 2

Per quanto riguarda la logistica internazionale, l’azienda è in grado di offrire servizi di stoccaggio a temperatura controllata, per garantire il mantenimento della temperatura ottimale per gli alimenti anche nelle fasi di transito da un magazzino all’altro.

Questo ci è possibile grazie alla nostra capillarità sul territorio e la possibilità di disporre di un vasto numero di magazzini, attrezzati al mantenimento della temperatura.

L’organizzazione dei ritiri, dello smistamento merci e delle consegne è gestita da un ufficio apposito, che pianifica nel dettaglio il ritiro dei prodotti alimentari e organizza le spedizioni nel modo più funzionale possibile ad ottenere una consegna rapida ed efficace, che rispetti la catena del freddo e mantenga inalterati i prodotti a livello organolettico.

In STEF è presente, come ulteriore garanzia per il trasporto internazionale, un ufficio creato ad hoc per la gestione preventiva di eventuali particolarità o anomalie legate al trasporto ed al contesto in cui esso avviene, che possono essere previste e gestite solo attraverso l’esperienza e la competenza di un fornitore altamente qualificato e specializzato nel settore. In questo modo, siamo in grado di offrire un’ulteriore tutela verso quelle situazioni che altrimenti, il cliente, non potrebbe prevedere e che potrebbero comportare un ritardo nella consegna della merce.

Filiale STEF Colturano flussi internazionali

Trasporti alimentari in Italia e in Europa

Stef Italia ha un’esperienza di oltre 20 anni nella gestione del trasporto refrigerato internazionale e tramite la sua diffusione capillare su tutto il territorio italiano ed europeo è in grado di fungere da punto di contatto tra l’Italia e l’Europa e viceversa, fornendo al cliente garanzie che solo un professionista del settore può offrire.

Le sedi di riferimento per i trasporti internazionali di prodotti alimentari sono le filiali di Colturano e Nogarole Rocca, che lavorano sinergicamente per offrire copertura in tutta l’Europa dell’est e dell’ovest.

Le filiali di STEF Italia che gestiscono i trasporti internazionali sono una porta di uscita per l’Italia verso l’Europa e viceversa e con l’acquisizione di Langdon, specialista nazionale del trasporto a temperatura controllata, nel Regno Unito e anche attore di primo piano nell’import/export di prodotti alimentari refrigerati (freschi e surgelati), l’azienda ha raggiunto un’altra tappa strategica nella costruzione della propria rete europea, attualmente composta da 8 paesi: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Svizzera e Regno Unito.

Con la presenza sul mercato estero in ben 8 paesi, STEF Italia è in grado di fungere da punto di raccolta e smistamento del traffico di prodotti alimentari da e verso l’Europa.

Scegliere STEF Italia significa scegliere un player in grado di fornire uno sguardo attento su tutta l’Europa e avere delle garanzie su qualità ed efficienza del servizio.

Trasporti internazionali Brexit

Trasporti internazionali refrigerati e Brexit

Le conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea non sono state prive di conseguenze in moltissimi settori, tra cui quello del Food & Beverage, dove le principali tutele e normative sono contenute in regolamenti comunitari.

Dall’1 gennaio 2021, infatti, la regolamentazione internazionale per il trasporto refrigerato degli alimenti ha subito dei cambiamenti e in accordo con l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) lo scambio di merci con il Regno Unito viene considerato commercio con paese terzo, ed in quanto tale, è considerato come tutte le operazioni di import/export di prodotti che avvengono già, ad esempio, con la Svizzera e saranno soggette a dichiarazione doganale ed al pagamento dei dazi previsti a carico dell’importatore, ma non solo.

Trasporto STEF camion 3

Oltre all’obbligo di assolvere a tutte le operazioni doganali, nel caso in cui il trasporto sia un export camionistico verso il Regno Unito si rende necessario il possesso anche del documento di transito dell’esportazione, che può essere ottenuto in autonomia dall’azienda esportatrice o tramite apposite agenzie doganali.

In questo contesto, si rende necessario anche essere in possesso di un proprio codice EORI, che identifica l’importatore/esportatore nelle dichiarazioni doganali.

Questo cambiamento ha avuto impatto soprattutto sugli operatori e le aziende che fino al 1 gennaio 2021 hanno svolto solo trasporto di merce intracomunitario e hanno dovuto mobilitarsi presso le Autorità doganali per poter ottenere il codice e garantire la continuità del loro servizio.  

La Brexit ha avuto impatto anche sull’organizzazione dei trasporti cosiddetti groupage, ovvero quei trasporti che in un solo camion contengono la merce di clienti diversi.

STEF Magazzino di trasporto

Per questo è necessario affidarsi ad aziende come STEF, in grado di avere un controllo preciso e puntuale su tutta la documentazione del cliente, prima della partenza del camion e con la sua esperienza e competenza nel settore può garantire un servizio che limita il verificarsi di inconvenienti o imprevisti lungo il percorso della merce esportata o importata.

In questo contesto di forte cambiamento e di necessità di adattamento, STEF si inserisce come azienda capace di supportare i propri clienti in tutto il processo di import/export.

La nostra filiale di STEF International si configura come spedizioniere doganale ed il personale formato e specializzato è in grado di gestire e occuparsi di tutte le operazioni doganali legate all’import/export.